Concorso “Pace è Sostenibilità”, al Liceo Artistico Licini la bandiera della pace


Grazie al video “Scegli il tuo futuro” la IV Multimediale del Liceo Artistico ascolano ottiene il premio regionale (sezione video) nel concorso “Pace e sostenibilità”. Alla IIIA del Liceo Scientifico Orsini il primo premio provinciale (sezione scritti)

Per noi della giuria è un video commovente e meraviglioso e abbiamo chiesto di diffonderlo in tutte le scuole”. Più dei meritatissimi premi, più ancora della bandiera arcobaleno della Pace, consegnata mercoledì 22 gennaio nelle mani della dirigente scolastica Nadia Latini, sono le parole del presidente dell’Università per la Pace, Nazzareno Quinzi, a rendere omaggio allo straordinario lavoro svolto dai ragazzi della IV Multimediale del Liceo Artistico “Osvaldo Licini”, sapientemente guidati dalla docente Cinzia Vagnoni.  D’altra parte, però, il Liceo Artistico ascolano e, in particolare, quella classe sono abituati a primeggiare e a ricevere importanti riconoscimenti.

Non più tardi di un paio di mesi fa, infatti, sempre la IV Multimediale (guidata ancora una volta dalla prof.ssa Vagnoni) aveva conquistato il primo premio al concorso nazionale “Storie di alternanza”, promosso da Unioncamere e dalle Camere di commercio italiane, con il progetto “ComeTe” (vedi articolo “Il Liceo Artistico Licini eccellenza nazionale nel campo dell’alternanza scuola-lavoro”).

Ora la IV Multimediale del Liceo Artistico (con la prof.ssa. Vagnoni) ha conquistato il premio regionale (sezione video) nel concorso “Pace è Sostenibilità. Build the Future”, promosso dal Consiglio regionale delle Marche in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale e l’Università per la Pace (e rivolto a tutte le scuole marchigiane di ogni ordine e grado), grazie al video “Scegli il tuo futuro” incentrato sul tema dell’ambiente. A rendere ancora più entusiasmante il bilancio per l’IIS Orsini-Licini è arrivato, poi, il primo premio provinciale (sezione scritti) alla III A del Liceo Scientifico Orsini, guidata dalla prof.ssa Maria Cristina Calvaresi.

I vincitori del concorso sono stati svelati il 16 dicembre scorso nel corso della manifestazione che si è svolta presso la Mole Vanvitelliana di Ancona, nell’ambito della giornata per la pace, alla quale ha partecipato anche il premio Nobel per la pace Lisa Clark. Mercoledì 22 gennaio, poi, presso la sede del Liceo Artistico ascolano si è svolta la cerimonia di premiazione, con la consegna della bandiera arcobaleno della Pace (nella fotogallery le immagini della giornata).

Il video declina il tema della pace e della sostenibilità – sancisce la motivazione del premio letta dalla direttrice della Fondazione Marche Cultura, Stefania Benatti – attraverso un’ampia e variegata combinazione di elementi visivi, musicali e testuali e con un impianto tecnico di notevole qualità; oltre gli stereotipo e le generalizzazioni la tematica viene calata nella quotidianità in modo efficace e adatto ad un pubblico giovane. Interessante costruzione del racconto , sia dal punto di vista della scenaggiatura che dell’escamotage narrativo, volta a sottolineare come in qualcuno esista la volontà di cambiare il futuro anche con gesti semplici. Ampliando il punto di vista, si vuole invitare ciascuno di noi a rivedere i propri comportamenti e a dare una seconda possibilità al nostro pianeta”.

A fare gli onori di casa la dirigente scolastica Nadia Latini che si è complimentata con i ragazzi “per l’elevato livello culturale e l’impegno sociale raggiunto”, congratulandosi poi con le insegnanti coinvolte nel progetto (Cinzia Vagnoni e Maria Cristina Calvaresi). A portare i saluti e il riconoscimento di tutto il Consiglio regionale il vicepresidente del Consiglio regionale Piero Celani che ha spottolineato come quest’anno ricorrano i 60 anni del Liceo Artistico (e gli 80 del Liceo Scientifico), ricordando l’importanza e il valore che ha sempre rivestito questa scuola per il territorio.

Quando ero sindaco ho sempre coinvolto gli studenti del Licini per la realizzazione di grafiche e pubblicità” ha affermato, complimentandosi poi con i ragazzi per i risultati ottenuti e rivolgendo loro un accorato invito: “dovete sempre mettere passione in quello che fate”.

Presente, in rappresentanza della Provincia, il consigliere provinciale Stefano Novelli che ha citato la suggestiva definizione della scuola fatta da uno dei padri costituzionali, Piero Calamandrei (“se si dovesse fare un paragone tra l’organo costituzione e l’organismo umano si dovrebbe dire che la scuola corrisponde a quegli organi che nell’organismo umano hanno la funzione di creare il sangue, quelli da cui parte il sangue che rinnova giornalmente tutti gli altri organi”), ricordando poi l’art. 11 della nostra Costituzione (“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”).

Naturalmente i momenti più suggestivi della premiazione sono stati quelli dedicati alle due classi vincitrici dei premi. La prof.ssa Maria Cristina Calvaresi (III A Liceo Scientifico) ha spiegato come nella costruzione dell’elaborato si è partiti dal concetto che “la pace si può costruire sulla cultura”. Nello specifico, poi, si è partiti dallo “studio delle poesie di Vittorio Sereni e dalle opere di Pier Paolo Pasolini e di Rousseau”. “Questi due Licei formano un unicum straordinario” ha poi concluso la prof.ssa Calvaresi, prima che un ragazzo della III A (Cristiano Malavolta) leggesse alcuni stralci dell’elaborato.

A presentare il video vincitore del premio regionale è toccato a Davide Allevi della IV Multimediale (supportato dal prof. Maurizio Calenti). “Abbiamo scelto l’inquinamento – ha spiegato – perché è un argomento alla portata di tutti, che tutti possono percepire. Abbiamo puntato l’attenzione su un oggetto semplice e che usiamo tutti di frequente, una bottiglietta di plastica, facendo vedere i danni e i benefici che si possono ottenere sulla base di un comportamento sbagliato o corretto”.

E’ un video che si stacca dalla media dei video che abbiamo visto negli anni, che veicola un messaggio semplice ma molto efficace” ha commentato al termine della proiezione del video la direttrice della Fondazione Marche Cultura.

La consegna della bandiera arcobaleno della pace e le rituali foto di gruppo hanno concluso una giornata che lascia in eredità un’ottimistica speranza e, soprattutto, l’orgoglio e la consapevolezza di come l’IIS Orsini-Licini sia una straordinaria risorsa per il nostro territorio.

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.