Fascisti su Marche: Ascoli e la Regione laboratorio della nuova destra


Un lungo articolo pubblicato dal quotidiano inglese “The Guardian” parla delle Marche e del capoluogo piceno come una sorta di laboratorio della nuova destra italiana che non ha affatto tagliato i ponti con il suo passato più buio (il fascismo)

Alla fine la vetrina internazionale Ascoli e le Marche l’hanno avuta. Purtroppo, però, non per il loro fascino, per la loro storia e per la loro indiscutibile bellezza. Ma, molto più tristemente, perchè il capoluogo piceno e la nostra regione sono considerate una sorta di laboratorio della nuova destra italiana che non ha affatto tagliato i ponti con il suo passato, anzi… E’ quello che sostiene uno dei più noti (a livello internazionale) quotidiani inglesi, “The Guardian”, che ha dedicato ad Ascoli e alla nostra regione un lungo articolo dal titolo sin troppo emblematico: “Success of far right Brothers of Italy raises fears of fascist revival” (“Il successo di Fratelli d’Italia di estrema destra fa temere un revival fascista”).

L’articolo firmato da Angela Giuffrida, molto ben strutturato a prescindere dall’opinione che ognuno legittimamente può farsi, parte dalla storia del partigiano ascolano Spartaco Perini e dalle sue parole pronunciate prima di morire, riportate dal figlio Pietro Perini, per poi analizzare la situazione che si è venuta a creare, con la vittoria della destra alle elezioni regionali del settembre scorso, nelle Marche. E secondo il quotidiano inglese, con Fratelli d’Italia testa a tutti i sondaggi e con Giorgia Meloni che potrebbe diventare il nuovo presidente del Consiglio (dopo le elezioni politiche del 2023, la nostra regione può essere considerato un vero e proprio laboratorio della nuova destra che, al di là dei proclami, non ha alcuna intenzione di recidere i legami con il proprio passato più buio (il fascismo).

A tal proposito vengono citati alcuni episodi che coinvolgono il sindaco di Ascoli  Fioravanti ma anche l’amministrazione comunale di Macerata, si fa riferimento alla sconcertante lettera del dirigente regionale scolastico Filisetti in occasione della ricorrenza della Liberazione, naturalmente senza dimenticare la ormai famosissima cena “nostalgica” di Acquasanta Terme. L’articolo analizza, poi, anche le responsabilità del centrosinistra marchigiano, l’incapacità di comprendere determinati cambiamenti e, soprattutto, di rispettare le promesse fatte nel post terremoto.

Senza dilungarci ulteriormente, di seguito riportiamo l’articolo completo, ovviamente tradotto in italiano (e in fondo anche la versione in inglese, se qualcuno non si fidasse della traduzione…) in modo che ognuno può liberamente formarsi una propria opinione in proposito.

Il successo di Fratelli d’Italia di estrema destra fa temere un revival fascista

(The Guardian)

“Spartaco Perini ha parlato in modo schiacciante del suo tempo come combattente della seconda guerra mondiale nei giorni prima della sua morte. Fondatore di uno dei primi gruppi antifascisti italiani a Colle San Marco, frazione di Ascoli Piceno nelle Marche centrali, fu lodato dalle forze alleate per il suo ruolo di impavido informatore, opera che contribuì a liberare l’Europa dai nazisti e a porre fine alla dittatura di Benito Mussolini. Ma aveva un rimpianto. “Nei suoi ultimi giorni ha parlato molto delle grandi cose che i partigiani hanno fatto per restituire la libertà e realizzare la democrazia” ha detto Pietro Perini, figlio del partigiano e presidente dell’Unità di Ascoli Piceno dell’Anpi. “Ma sentiva anche che avevano commesso un errore, e cioè non averlo sradicato completamente [il fascismo]”.

Spartaco Perini è morto nel 2001, all’età di 82 anni. Due decenni dopo, Fratelli d’Italia, discendente di un partito formato nel 1946 dai persistenti sostenitori di Mussolini, guida le Marche dopo aver vinto le elezioni regionali lo scorso settembre, mettendo fine a 25 anni di governo di sinistra. È stata una vittoria significativa per il partito, che negli ultimi anni è passato costantemente dalle frange politiche all’essere testa a testa con la Lega di estrema destra di Matteo Salvini come i più grandi partiti italiani negli ultimi sondaggi di opinione.La sua leader, Giorgia Meloni, che ha esordito nell’ala giovanile del Movimento Sociale Italiano (Msi), suo predecessore del dopoguerra, si prepara ora a succedere a Mario Draghi come primo ministro nelle elezioni politiche del 2023, dopo aver tenuto il suo partito fuori dalla sua ampia coalizione. Un politico esperto, Meloni ha cercato di rimodellare il suo partito, proponendolo come un campione conservatore del patriottismo.

Nella sua autobiografia, “Io sono Giorgia”, scrive che “è estranea al culto del fascismo”. Ma ci sono segnali nelle Marche che il partito – che mantiene come logo la fiamma tricolore del Msi – non ha tagliato del tutto i legami con il suo passato.Ad aprile il sindaco di Fratelli d’Italia di Ascoli Piceno ha donato alle scuole fumetti fascisti. Pochi giorni dopo, festa nazionale per la liberazione dell’Italia dal fascismo, il presidente del dipartimento dell’istruzione delle Marche ha inviato una lettera agli studenti identificando i fascisti con i partigiani come Spartaco Perini.

Dovremmo ricordare i caduti in guerra senza distinzione da che parte stavano“, ha scritto. “Abbiamo sempre avuto apologeti del fascismo, ma ora alcuni sono in posizioni di potere“, ha detto il figlio di Perini.Una delle prime mosse politiche della nuova amministrazione marchigiana è stata la chiusura delle strutture di accoglienza e sostegno per gli immigrati. Come l’Umbria, ex roccaforte della sinistra caduta in mano alla Lega nel 2019, anche lei vuole vietare agli ambulatori di fornire la pillola abortiva. Un politico di Fratelli d’Italia ha recentemente suggerito che le donne dovrebbero restare a casa a badare ai bambini mentre gli uomini dettano le regole. I leader del partito stanno cercando di adottare una misura che limiti l’edilizia sociale agli italiani.

In questa regione c’è stato un cambiamento culturale, sociale e politico, alcuni dei quali si stanno traducendo in provvedimenti”, ha detto Antonio Mastrovincenzo, ex consigliere marchigiano del Pd di centrosinistra, che accetta le debolezze della sinistra laica basi per il perno della regione a destra. “Abbiamo commesso errori e la gente non ci ha mai perdonato“, ha aggiunto. La prima spinta al cambiamento è arrivata nell’agosto 2016, quando il centro Italia, comprese parti delle Marche, è stato colpito da un terremoto che ha ucciso quasi 300 persone.

All’epoca Matteo Renzi, ex presidente del Consiglio ed ex leader del Pd, promise di ricostruire subito le città distrutte. Ma molti dei luoghi colpiti giacciono ancora abbandonati.Anche Lega e Fratelli d’Italia hanno giocato sull’immigrazione, soprattutto quando la 18enne Pamela Mastropietro sarebbe stata uccisa da un clandestino nella città di Macerata all’inizio del 2018. A pochi giorni, e a poche settimane dalle elezioni nazionali, Luca Traini, un estremista di estrema destra, ha ferito sei migranti africani in una sparatoria che secondo lui era la vendetta per l’omicidio.

Traini è diventato il cavallo di battaglia delle forze di destra per affermare che è stata la politica della sinistra a determinare questa situazione”, ha detto Lina Caraceni, ex assessore all’Integrazione di Macerata e rappresentante dell’unità locale dell’associazione privata Rifugiati Benvenuta Italia. “Hanno buttato via tutti i progetti che faceva la precedente amministrazione – Macerata è stata una delle prime località in Italia ad aver adottato lo Sprar (un sistema per ospitare i migranti) e ora non c’è più. C’è stato anche più razzismo: nessuno vuole affittare case agli stranieri“.

Per Paolo Berizzi, giornalista de La Repubblica che ha scritto molto sull’estrema destra in Italia, il segno più forte del cambiamento nelle Marche è arrivato il 27 ottobre 2019, quando si è tenuta una cena commemorativa in occasione dell’anniversario della “marcia su Roma” di Mussolini . Alla cena hanno partecipato Francesco Acquaroli, oggi presidente delle Marche, insieme a una schiera di altri sindaci di Fratelli d’Italia.“Questo dà un’idea di come Fratelli d’Italia si occupi della destra nostalgica: non solo non ne prendono le distanze, ma la celebrano”, ha detto Berizzi, aggiungendo che le Marche sono diventate “una specie di laboratorio della destra che affonda le sue radici nella tradizione fascista”.

Fratelli d’Italia di solito partecipa alle elezioni locali, regionali e generali in coalizione con la Lega, guidata da Matteo Salvini, e Forza Italia di Silvio Berlusconi. L’alleanza gestisce 15 delle 20 regioni italiane. Meloni, dopo aver eclissato Salvini in popolarità, ora è molto al comando, il che significa che se gareggiano insieme nel 2023 e vincono, ha buone possibilità di diventare primo ministro.

La sinistra è stata debole nell’intercettare l’ascesa della destra in tutta Italia“, ha detto Berizzi. “E qui sta il pericolo. Il Paese che ha prodotto, ma anche sconfitto, il fascismo potrebbe finire per essere guidato da un partito legato a quella storia”.L’arrivo di Fratelli d’Italia nelle Marche ha anche aiutato a incoraggiare gruppi di estrema destra come CasaPound e Forza Nuova, ha affermato Perini.

Ogni volta che facciamo una manifestazione, il giorno dopo troviamo svastiche sui muri e i tifosi dell’Ascoli Piceno festeggiano ogni gol con il saluto fascista. Gli estremisti sanno che possono farlo ora senza timore di punizioni“, ha aggiunto.Perini preoccupato per l’esito delle prossime elezioni nazionali. “Non ho fiducia che le cose possano cambiare. La cosa peggiore è che sembra che gli sforzi dei partigiani siano stati inutili”.

Success of far right Brothers of Italy raises fears of fascist revival (The Guardian)

Spartaco Perini spoke overwhelmingly about his time as a second world war resistance fighter in the days before he died. The founder of one of Italy’s first antifascism groups in Colle San Marco, a hamlet of Ascoli Piceno in the central Marche region, he was lauded by the Allied forces for his role as a fearless informant, work that helped to liberate Europefrom the Nazis and end Benito Mussolini’s dictatorship. But he had one regret.

“In his last few days, he spoke a lot about the great things the partisans did to restore freedom and bring about democracy,” said Pietro Perini, the partisan’s son and president of the Ascoli Piceno unit of Anpi, an anti-fascism organisation. “But he also felt they made one error – and that was not to have eradicated it [fascism] completely.”

Spartaco Perini died in 2001, aged 82. Two decades later, Brothers of Italy, the descendant of a party formed in 1946 by the lingering supporters of Mussolini, is running Marche after winning regional elections last September, ending 25 years of leftwing rule. It was a significant victory for the party, which in recent years has steadily moved from the political fringes to being neck-and-neck with Matteo Salvini’s far-right League as Italy’s biggest parties in the latest opinion polls.

Its leader, Giorgia Meloni, who started out in the youth wing of the Italian Social Movement (MSI), its postwar predecessor, is now readying to succeed Mario Draghi as prime minister in the 2023 general elections, having kept her party out of his very broad coalition.

A savvy politician, Meloni has endeavoured to remould her party, pitching it as a conservative champion of patriotism. In her autobiography, I Am Giorgia, she wrote that she “does not belong to the cult of fascism”.

But there are signs in Marche that the party – which maintain’s MSI’s tricolored flame as its logo – has not fully severed links with its past.

In April, the Brothers of Italy mayor of Ascoli Piceno donated fascist comics to schools. A few days later, the national holiday to mark Italy’s liberation from fascism, the president of Marche’s education department sent a letter to students equating fascists with partisans like Spartaco Perini. “We should remember the war dead without distinction of which side they were on,” he wrote.

“We’ve always had fascism apologists, but now some are in positions of power,” said Perini’s son.

One of the first policy moves from Marche’s new administration was to close reception and support facilities for immigrants. Similar to Umbria, a former leftwing stronghold that fell to the League in 2019, it also wants to ban health clinics from providing the abortion pill. A Brothers of Italy politician recently suggested that women should stay at home to look after the children while men lay down the rules. Party leaders are seeking to adopt a measure that would restrict social housing to Italians.

“In this region there has been a cultural, social and political change, some of which is being translated into measures,” said Antonio Mastrovincenzo, a former Marche councillor with the centre-left Democratic party, who accepts the weaknesses of the left lay the groundwork for the region’s pivot to the right. “We made mistakes and people never forgave us,” he added.

The first push towards change came in August 2016, when central Italy, including parts of the Marche region, was struck by an earthquake that killed almost 300 people. At the time, Matteo Renzi, the former prime minister and ex-leader of the Democratic party, promised to immediately rebuild the shattered towns. But many of the affected places still lie abandoned.

The League and Brothers of Italy also played on immigration, especially when 18-year-old Pamela Mastropietro was allegedly murdered by an illegal immigrant in the city of Macerata in early 2018. Days later, and just weeks away from national elections, Luca Traini, a far-right extremist, wounded six African migrants in a shooting rampage that he claimed was revenge for the murder.

“Traini became the battle horse for rightwing forces to affirm that it was the politics of the left that brought about this situation,” said Lina Caraceni, a former Macerata councillor for integration and representative of the local unit of the privately-owned association, Refugees Welcome Italia.

“They threw out all the projects that the previous administration did – Macerata was one of the first places in Italy that adopted Sprar [a system to house migrants], and now that’s gone. There has also been more racism – nobody wants to rent homes to foreigners.”

For Paolo Berizzi, a journalist with La Repubblica who has written extensively about the extreme right in Italy, the strongest sign of change in Marche came on 27 October 2019, when a commemorative dinner was held to mark the anniversary of Mussolini’s “march on Rome”. The dinner was attended by Francesco Acquaroli, now the president of Marche, along with a host of other Brothers of Italy mayors.

“This gives you an idea of how Brothers of Italy deals with the nostalgic right – not only do they not distance themselves from it, but they celebrate it,” said Berizzi, adding that Marche had become “a kind of laboratory for the right which founded its roots in the fascist tradition”.

Brothers of Italy usually competes in local, regional and general elections in coalition with the League, led by Matteo Salvini, and Silvio Berlusconi’s Forza Italia. The alliance runs 15 out of 20 Italian regions. Meloni, having eclipsed Salvini in popularity, is now very much in charge, meaning that if they compete together in 2023 and win, she has a good chance of becoming prime minister.

“The left has been weak at intercepting the rightwing rise across Italy,” said Berizzi. “And herein lies the danger. The country that produced, but also defeated, fascism could end up being led by a party with links to that history.”

Brothers of Italy’s arrival in Marche has also helped embolden extreme right groups such as CasaPound and Forza Nuova, said Perini. “Whenever we do a demonstration, we find swastikas on the walls the next day, and fans of the Ascoli Piceno football team celebrate each goal with the fascist salute. The extremists know they can do this now without fear of punishment,” he added.

Perini worries about the outcome of the next national elections. “I have no faith that things can change. The worst thing is, it seems the efforts of the partisans were all for nothing.”

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *