Alloggi gratuiti per chi ha avuto la casa dichiarata inagibile


La Protezione Civile delle Marche mette a disposizione ad Ascoli 22 alloggi alle famiglie che hanno avuto l’abitazione dichiarata inagibile di tipo E o F. Le abitazioni sono distribuite nelle zone di Mozzano, Valli di Lisciano e Porta Romana e hanno superfici da 47 a 95 mq

Ci sono 22 appartamenti a disposizione delle famiglie ascolane che hanno avuto la propria abitazione dichiarata inagibile (di tipo E o F) e, di conseguenza, sono stati costretti allo sgombero.

Lo annuncia il Comune di Ascoli con un comunicato stampa pubblicato questa mattina sul proprio sito internet. I 22 alloggi sono stati messi a disposizione dalla Protezione civile regionale e sono di diversa grandezza per nuclei familiari da una a 6 persone. Sul sito del Comune sono presenti e scaricabili anche i moduli per fare richiesta(http://www.comuneap.gov.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/13379).

Gli immobili verranno assegnati in comodato d’uso gratuito temporaneo “La Protezione Civile Regionale – si legge nel comunicato – mette a disposizione  ad Ascoli Piceno n. 22 alloggi distribuiti in località Mozzano, Valli di Lisciano e Porta Romana con superfici che vanno da 47/50 mq a 95 mq. Gli interessati possono presentare l’eventuale manifestazione di interesse all’assegnazione di un alloggio adeguato(*), per metratura, alla composizione del nucleo familiare compilando l’apposito modello scaricabile dal sito  www.comuneap.gov.it.

In caso di ricevimento della manifestazione di interesse da parte del richiedente, l’ufficio competente del Comune di Ascoli Piceno provvederà a convocare l’interessato per illustrare le opportunità abitative disponibili, nel rispetto del rapporto tra componenti del nucleo familiare e metri quadrati. L’istanza di partecipazione, che comunque non sarà vincolante fino al perfezionamento dell’iter che si concluderà con l’accettazione definitiva da parte del richiedente dell’alloggio assegnato,  dovrà pervenire entro e non oltre il 30 novembre 2017 al Comune di Ascoli Piceno – Ufficio Relazioni con il Pubblico- Piazza Arringo 7  o via e-mail all’indirizzo protocollo@comune.ascolipiceno.it”.

Naturalmente gli alloggi in comodato gratuito sono in sostituzione del contributo di autonoma sistemazione (Cas) e dell’eventuale sistemazione alberghiera. Solo al momento della definitiva assegnazione dell’alloggio decadrà il diritto a ricevere gli altri interventi assistenziali. E’, però, importante evidenziare che una volta ottenuta l’assegnazione dell’alloggio, in caso di successiva rinuncia senza adeguata motivazione, automaticamente cesseranno tutte le forme di assistenza prevista dalla normativa sul terremoto.

Di seguito i parametri previsti dall’art. 2 comma 2 della legge regionale 36/05 per definire un alloggio adeguato (si fa riferimento alla superficie utile calpestabile

a) mq 30 per un nucleo familiare composto da una persona;
b) mq 45 per un nucleo familiare composto da due persone;
c) mq 54 per un nucleo familiare composto da tre persone;
d) mq 63 per un nucleo familiare composto da quattro persone;
e) mq 80 per un nucleo familiare composto da cinque persone;
f) mq 90 per un nucleo familiare composto da sei o più persone.

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.