L’ultimo saluto a Michele e l’umanità ritrovata


Tanti messaggi sui social ma anche tante persone alla cerimonia funebre per salutare Michele, il senzatetto conosciutissimo in città perché stazionava sempre nei pressi del Duomo, insieme alla sua fedele amica a quattro zampe Lucy

Forse ci ha colpito in maniera particolare perché purtroppo non siamo quasi più abituati a simili manifestazioni di sensibilità (quella vera), di sincera e profonda partecipazione, di buoni sentimenti,avvelenati come siamo dall’astio, dalle polemiche, dai toni sempre più violenti e bruschi della vita di ogni giorno.

E siamo lieti che questa commovente storia densa di sana e sincera umanità arrivi proprio dalla nostra città e veda protagonisti tanti nostri concittadini. Come purtroppo avviene sempre tutto è scaturito da un evento triste, l’improvvisa morte di Michele Ferrazzano. Probabilmente a molti questo nome non dirà molto ma di certo chiunque ad Ascoli l’ha visto più volte. Michele era il senzatetto che stazionava sempre insieme a Lucy, il suo fedelissimo amico a quattro zampe, nei pressi del Duomo. Impossibile non notarlo, impossibile per chi ha avuto modo di scambiarci qualche parola non rimanere colpiti dal suo sorriso dolce, dalla sua simpatia.

Michele domenica è stato colpito da un infarto mente si recava a comprare qualcosa da mangiare all’Eurospin di piazza Immacolata e non ha avuto scampo. Si è accasciato al suolo ed è morto lì, con Lucy sempre al suo fianco, anche dopo che l’hanno coperto con un telo bianco. Per una volta i social, solitamente ricettacolo del peggio, si sono riempiti di messaggi di ricordo e di sincera commozione. E’ stato bello vedere che una buona parte della città si è mobilitato per tributare l’ultimo saluto a Michele, con la il funerale  offerto gratuitamente dall’impresa di pompe funebri Agostini-Cacciatori.

Questa mattina, poi, alle 10 nella chiesetta del cimitero si è svolta la cerimonia funebre, officiata dal vescovo di Ascoli mons. D’Ercole, che ha visto la partecipazione di tante persone che avevano conosciuto Michele. C’erano tanti fiori nella chiesetta e due ragazzi che con la chitarra hanno accompagnato la cerimonia con musica e canti. C’era soprattutto Lucy che per tutta la cerimonia non si è mossa a fianco alla bara del suo adorato padrone. Ora, secondo le sue volontà, sarà Corrado ad occuparsi di lei ma c’è già chi si mobilita  per non lasciarli soli, in qualche modo anche per non dimenticare in fretta Michele.

C’è già chi ha pensato ad un cesto presso la Ciam per raccogliere cibo umido per Lucy e chi sta pensando di organizzare una raccolta di cibo e qualche soldo  per dare una mano a Corrado. Secondo quanto riporta sul proprio facebook Rudy, molto legato a Michele, nei prossimi giorni verrà posizionata un targa in suo ricordo proprio nel luogo a fianco al Duomo dove era solito fermarsi con Lucy.

A te Michele caro amico di tutti, generoso educato con un grande cuore la tristezza dei tuoi occhi celava sempre dietro un bel sorriso i tuoi modi gentili ed educati hanno fatto di te un nostro grande amico un signore del mondo degli invisibili dal quale noi dobbiamo prendere esempio per bontà e dignità. Hai amato Lucy la tua compagna a 4 zampe come pochi sanno fare e ora veglia su di lei e sugli amici che la sapranno amare. Te ne sei andato in punta di piedi senza dare disturbo a nessuno con accanto chi ti ha sempre amato come vedi le persone che ti vogliono bene sono sempre tante e il signore che ha avuto bisogno di te avrà un angelo in più in cielo. Onorati per averti conosciuto” il testo inserito nella targa.

Noi come tutti non possiamo che unirci nel ricordo, sottolineando con un pizzico di orgoglio che la sua triste dipartita ci ha permesso di riscoprire come in questa città vivono tantissime persone di buoni sentimenti e di grande sensibilità

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.