Arrivano i soldi per il restauro del duomo di Ascoli


Nella seduta di mercoledì 9 agosto della “Cabina di regia” per la ricostruzione approvato il piano stralcio del Ministero per i beni culturali che, per le Marche, prevede uno stanziamo di 95 milioni di euro per 53 interventi di ripristino. Tra cui anche la cattedrale di Sant’Emidio

Arrivano i soldi per il restauro della cattedrale di Sant’Emidio. Come si ricorderà il duomo cittadino fu chiuso a seguito dei danni subiti dalla forte scossa del 30 ottobre. Grazie ai lavori preliminari di messa in sicurezza e risanamento della struttura voluti dal vescovo D’Ercole, la cattedrale a metà aprile era stata parzialmente riaperta al pubblico.

Il lavoro fatto – spiegò allora il vescovo – è propedeutico al futuro restauro e permette di riaprire la cattedrale, anche se parzialmente, per il normale svolgimento delle funzioni religiose”. Ora i soldi per il completo restauro sono in arrivo, come comunica la Regione in un comunicato stampa in merito alla seduta della “Cabina di regia” per la ricostruzione, presieduta dal commissario Vasco Errani e di cui fanno parte i presidente delle 4 Regioni colpite dal terremoto (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria), che si è svolta ieri a Roma.

La seduta – si legge nel comunicato – era dedicata all’approvazione del primo stralcio del piano dei beni culturali danneggiati dal terremoto e del secondo relativo agli alloggi pubblici dei Comuni, dell’Erap e dell’ Ersu. Sul fronte dei beni culturali, alle Marche sono stati assegnati 95 milioni di euro per 53 interventi di ripristino nel cratere (per lo più chiese e cattedrali) – concordati con la Cei (Conferenza episcopale italiana), d’intesa con il ministero dei Beni Culturali – e per il restauro di un bene simbolo, individuato nel Castello Pallotta di Caldarola.

A questo importo vanno aggiunti altri 23,4 milioni, già riconosciuti alle Marche, dalle ordinanze 23 e 32 del commissario Errani per la messa in sicurezza e riapertura al pubblico dei luoghi di culto nei territori del cratere e fuori cratere. Ammonta invece a 27,4 milioni la somma, destinata alla Marche, per realizzare 312 alloggi pubblici all’interno degli immobili danneggiati dal sisma.

Fondi liberati dal secondo piano stralcio di settore che si aggiungono ai 5,8 milioni del primo stralcio, con il quale è stato autorizzato il recupero di altri 50 alloggi pubblici. Abitazioni che serviranno ad assicurare una casa alle famiglie in autonoma sistemazione o in sostituzione delle Sae, con un risparmio stimato di circa 3 milioni di euro annui, da destinare ad altri interventi di ricostruzione”.  Tra i 312 alloggi finanziati, rientrano i 96 posti letto gestiti dall’Ersu per gli studenti dell’Università di Camerino.

È stato dato un grande impulso per partire con i primi progetti cantierabili di edilizia pubblica e per riappropriarci dello straordinario patrimonio diffuso delle Marche – ha commentato il presidente della Regione, Luca Ceriscioli – vanno ricostruiti il tessuto sociale, produttivo, e culturale delle comunità danneggiate, la loro identità. Un’operazione complessa, condivisa con i territori, attenta alle esigenze e alle sensibilità di ciascuno. Le risorse ci sono e la ricostruzione verrà portata avanti con il massimo impegno”.

Gli interventi di riapertura al culto delle chiese danneggiate (importo dei lavori di ripristino inferiore a 300mila euro) sono 94: 24 nell’Anconetano, 28 nell’Ascolano, 10 nel Fermano, 29 nel Maceratese, 3 nel Pesarese. Il piano stralcio del Ministero finanzia invece 53 interventi di ricostruzione, in massima parte ecclesiastici: 2 nell’Anconetano, 12 nell’Ascolano, 2 nel Fermano e 37 nel Maceratese. E tra i 12 interventi nell’Ascolano c’è, appunto, quello per la cattedrale di Sant’Emidio, così come lo storico Mulino Angelini di Acquasanta Terme (Monastero di San Benedetto in Valledacqua).

Tra le altre opere finanziate il museo diocesano di Montalto Marche (ex Palazzo arcivescovile), il Castello Pallotta di Caldarola, l’Abbazia di Rambona di Pollenza, la Collegiata SS. Annunziata di San Ginesio, la Cattedrale San Giuliano di Macerata, la concattedrale San Catervo di Tolentino, il Santuario di Macereto, la Collegiata di Maria SS. a Visso e la Cattedrale di Sant’Emidio di Ascoli Piceno.

Il Santuario della Madonna dell’Ambro di Montefortino e le opere pittoriche interne lesionate dal terremoto saranno invece recuperati da Carifermo che ha deciso di festeggiare in questo modo il 160° anno della fondazione della banca.

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.