Travaglia lotta, sfiora l’impresa ed esce a testa alta da Wimblendon


Il tennista ascolano va ad un passo dal suo primo successo in un torneo dello Slam ma si arrende al quinto set al russo Rublev, dopo quasi 3 ore e mezza di lotta, dopo aver annullato due match point

E’ andato vicino all’impresa ma alla fine si spegne sull’ultimo diritto vincente di Rublev il sogno di Stefano Travaglia di conquistare il primo successo nel tabellone principale di un torneo dello Slam. Dopo un incontro durato 3 ore e 27 minuti, pieno di colpi di scena e di ribaltamenti, il tennista ascolano si è dovuto arrendere con il punteggio di 6-7 (3), 6-3, 7-5, 1-6, 7-5.

Un peccato perchè se è vero che, dopo il vantaggio iniziale, Travaglia è stato sempre costretto a rincorrere, è altrettanto innegabile che ad inizio del secondo set ha avuto l’opportunità di indirizzare la partita dalla sua parte. Dopo aver vinto in rimonta e al tie break il primo set, che pure era iniziato nel peggiore dei modi con un break subito al primo game, il tennista ascolano nei primi due game di battuta del secondo parziale ha avuto l’opportunità di strappare il servizio al giovane russo. Scampato il pericolo Rublev ha ripreso vigore, sfruttando l’unica occasione di break avuta nel secondo set e conquistando un equilibratissimo terzo parziale, con un break all’undicesimo gioco. E, quando ad inizio del quarto set ha nuovamente tolto la battuta all’avversario, sembrava avere la partita in mano.

Ma non aveva fatto i conti con la tenacia e la voglia di non mollare di Travaglia che ha infilato 6 game di fila, portando la sfida al quinto e decisivo set. Che ha riservato una serie incredibile di emozioni, con il tennista ascolano di nuovo sotto 3-1 ma bravo a rimontare ancora una volta. Poi nel finale di set, dopo aver annullato un match point al suo avversario sul 5-4, il tennista ascolano si è dovuto arrendere 7-5 nel game successivo. Resta il rimpianto per una vittoria storica che era davvero a portata di mano ma anche la consapevolezza che, sfortuna permettendo, da qui può iniziare una nuova carriera per Travaglia.

1° SET. L’inizio di partita è traumatico per il tennista ascolano che inizia a servire ma si trova subito sotto 15-40, annulla la prima palla break con un buon servizio ma cede la battuta e si trova subito a dover rincorrere. Rublev concede poco sul proprio servizio, Travaglia tiene bene un paio di turni di battuta ma sul 4-2, da 40-0, concede una nuova palla break che assomiglia ad un set point. Ancora con il servizio la annulla e resta in scia.

Il russo va a servire per il set sul 5-4 ma, da 30-15, concede la prima palla break all’ascolano che è bravissimo a non lasciarsi sfuggire l’occasione e a tornare in parità. Ora è l’ascolano a non concedere quasi nulla all’avversario sui propri turni di battuta ma il set si decide al tie break. Travaglia ottiene il primo mini break e va avanti 2-1, continua ad essere implacabile al servizio e si porta sul 4-1. Rublev prova a rimanere agganciato, si porta sul 4-3 ma l’ascolano tiene ancora agevolmente i suoi due turni al servizio e chiude 7-3 al primo set point, in un parziale nel quale, dopo il game iniziale, Travaglia ha avuto un ottimo rendimento al servizio, con 4 ace e il 60% di punti vinti con la seconda palla, ed è stato quasi perfetto a rete, con un ottimo 80% di punti ottenuti.

2° SET. Nel primo game, con il russo al servizio, Travaglia ha subito l’opportunità di fare il break ma Rublev si salva, così come nel terzo game quando l’ascolano conquista una seconda palla break. E’ invece il suo avversario che, nel game successivo, sfrutta la prima opportunità e ottiene il break, volando così sul 4-1. Questa volta al tennista ascolano non riesce la rimonta e  Rublev chiude il secondo set con il punteggio di 6-3, riportando l’incontro in parità.

3° SET. Il parziale segue l’andamento del servizio, Rublev, dopo i problemi di inizio secondo set, è tornato ad essere incisivo, così come Travaglia. Si arriva senza scossoni e senza palle break fino al 5-5 quando il tennista ascolano in un attimo si ritrova 0-40 al servizio, con due errori di rovescio e un doppio fallo. Travaglia riesce a salvare le prime due palle break ma con un nuovo errore di rovescio concede il break al tennista russo che nel game successivo chiude al secondo set point.

4° SET. Dopo un set dominato dal servizio, in avvio di quarto parziale scende clamorosamente il rendimento al servizio di entrambi. Travaglia subisce subito il break ma è bravo a controbrekkare immediatamente. In un interminabile terzo game l’ascolano riesce ad annullare due palle break, la prima con un rovescio vincente, la seconda grazie ad un errore di Rublev, poi con un ace e un altro vincente, questa volta di diritto si porta sul 2-1.

Nel game successivo ancora due vincenti di rovescio gli consegnano due palle break, sprecate con due errori, sempre di rovescio. Che, però, gli permette di conquistare una terza opportunità di strappare il servizio all’avversario che si rivela quella buona, grazie ad un errore del tennista russo. Sulle ali dell’entusiasmo Travaglia vola, tiene a zero la propria battuta e strappa di nuovo, ancora a zero, il servizio all’avversario, chiudendo al primo set point sul 6-1. La sfida si decide, così, al quinto set.

5° SET. Dopo i primi tre game senza problemi per chi è al servizio, due errori di diritto ed uno di rovescio di Travaglia concedono a Rublev due palle break. Il tennista ascolano riesce ad annullare la prima ma, con un nuovo errore di rovescio, deve cedere il servizio. Il tennista russo sembra poter scappare via, nel successivo game al servizio vola subito 40-0 ma l’ascolano non molla, annulla anche una quarta palla per il 4-1 e alla fine ottiene l’immediato contro break.

Si arriva così sul 5-4 per il russo con Travaglia che serve per restare in partita e, dopo aver avuto la palla game, è costretto a fronteggiare un match point. L’ascolano non trama, comanda il gioco e riesce a salvarsi, portandosi sul 5-5. La conclusione della partita, però, è solo rimandata di pochi minuti. Sotto 6-5 Travaglia, nel suo turno di servizio, in un attimo si ritrova sullo 0-40. Riesce ancora ad annullare un altro match point ma deve inchinarsi al diritto vincente del russo che chiude, dopo 3 ore e 27, la partita

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.