Colpi di sole


Dai quotidiani locali al premier Renzi, dal capo gabinetto della Raggi all’ex sindaco Perazzoli. E poi la Rai, l’allenatore dell’Italia Bonitta. Cronaca “semiseria” della settimana di ferragosto

E’ finalmente arrivato ferragosto ed è tempo di prendersi una giornata di relax, al mare o in montagna. Soprattutto dopo una settimana come quella appena trascorsa, caratterizzata, sia a livello locale che a livello nazionale, da tante vicende e situazioni a dir poco paradossali. Di seguito una breve rassegna delle più esilaranti

A Cupramarittima il rapporto sessuale più caro della storia. Tra le tante storie “particolari” di questi giorni di ferragosto la più singolare arriva sicuramente da Cupramarittima dove il 13 agosto è stato probabilmente stabilito il record del rapporto sessuale più caro della storia. Ben 10 mila euro, tanto ha dovuto pagare un 70enne, scoperto dai carabinieri mentre faceva sesso in spiaggia…con se stesso! Solo un pò meno (3 mila euro) è costato, invece, ad altre tre persone (tra i 50 e i 70 anni) il vezzo di prendere il sole nudi, sempre sulla spiaggia di Cupramarittima. Che, evidentemente, deve avere qualcosa di particolare che provoca strani pruriti…

La tribuna est e l’accelerazione del canguro. Leggendo ciò che scrivono certi quotidiani locali, più che a ferragosto sembra di essere al 1 aprile. In particolare, infatti, certi titoli fanno più pensare ad il classico “pesce di aprile” o, al massimo, ad uno scherzo di carnevale. Difficile, infatti, considerare in altro modo il titolo “Tribuna est, il Comune accelera” apparso venerdì 12 agosto su un quotidiano locale. Per chi non lo ricordasse (a quanto sembra sono in tanti, anche nei palazzi comunali…) quella della nuova tribuna est è una telenovela che si trascina da oltre 2 anni fa. Bellini, nel corso della conferenza stampa al termine della sua prima stagione da presidente, svelò che il sindaco gli aveva assicurato che la tribuna sarebbe stata pronta per l’avvio della successiva stagione (il campionato passato). Di ritardo in ritardo, poi, siamo ora arrivati alla promessa che la tribuna sarà pronta entro la fine del 2016. Se questo significa accelerare, non osiamo immaginare cosa sarebbe accaduto se il Comune avesse rallentato…

SOS Raineri, aiutiamo il capo gabinetto della Raggi a trovare un albergo…a 5 stelle! Prima di goderci il meritato svago di ferragosto, sarebbe opportuno dedicare un pensiero o, meglio ancora, fare qualcosa per chi è in una situazione di difficoltà e non ha né i mezzi né la possibilità di godersi il ferragosto. In particolare il nostro pensiero non può non andare oggi alla piacentina Carla Romana Raineri che nei giorni scorsi è stata colpita da una grave sciagura: è stata nominata capo gabinetto della giunta Raggi a Roma. Come se non bastasse, in una sorta di incomprensibile accanimento, la novella sindaca, con uno stratagemma da prima repubblica, le ha aumentato lo stipendio fino a 193 mila euro annui. “A lavorare in Campidoglio ci rimetto – ha dichiarato quasi disperata la sventurata – la differenza con il mio stipendio è di appena mille euro in più al mese e con quei soldi devo pagare i viaggi per Milano dove risiede la mia famiglia e l’albergo a Roma”. Chiunque ha un briciolo di cuore non può rimanere insensibile di fronte a quello che è capitato alla povera Raineri. Per questo invitiamo tutti a partecipare alla sottoscrizione umanitaria per aiutare il nuovo capo gabinetto a pagare i viaggi per Milano e, soprattutto, a trovare un albergo, possibilmente a…5 stelle! Una domanda, però, sorge spontanea: ma la “sora” Virginia un capo gabinetto romano, che non dovesse affrontare simili difficoltà, non poteva trovarlo?

Referendum d’autunno, gara a chi la spara più grossa. Neppure sotto il solleone di ferragosto potevano mancare gli appelli in vista del referendum sulla riforma costituzionale. Naturalmente sempre molto pacati e con l’attenzione solamente sui contenuti… A tal proposito il premier Renzi il 10 agosto scorso ha dichiarato che, se vincerà il si, ci saranno 500 milioni di euro per i poveri. Inoltre “sarà tre volte Natale e festa tutto l’anno, anche i muti potranno parlare, mentre i sordi già lo fanno. E si farà l’amore, ognuno come gli va, anche i preti potranno sposarsi ma soltanto ad una certa età”. Sull’altro fronte voci “autorevoli” come quelle di Bossi e di Toti ricordano che se vince il si “Renzi diventa il dittatore d’Italia e le Regioni non potranno più svolgere il loro lavoro”. Inoltre verranno aboliti anche i Comuni, tutte i sabato e le domeniche, si andrà a lavorare 365 giorni all’anno e la tasse arriveranno fino al 100%. Ma nella gara a chi “la spara più grossa”l’oscar lo stravince la professoressa Lorenza Carlassare che, dagli schermi de La7, ha affermato due giorni fa che “è sconcertante e illegittimo che il governo si schieri”. Certo chi se lo sarebbe mai immaginato che il governo, per altro costituito proprio con l’obiettivo primario di fare le riforme costituzionali, avesse l’ardire di schierarsi a favore di una riforma fatta…dal governo stesso! E’ proprio vero, è un complotto, anzi di più, un vero e proprio colpo di stato (il 200°, numero più, numero meno degli ultimi 12 mesi…)

Olimpiadi alla Rai,di tutto… di peggio. Non sappiamo come si chiama, ma il telecronista Rai che venerdì 12 agosto ha commentato la sfida di quarti di finale di doppio misto tra gli italiani Fognini-Vinci e gli statunitensi Ram-Williams è entrato di diritto nella storia. Assolutamente digiuno di tennis, ha dato spettacolo con le sue esclamazioni completamente non pertinenti. Prima di mandarlo così allo sbaraglio, ad esempio, qualcuno poteva spiegargli che se la pallina finisce in rete o fuori non è per puro caso o per sfortuna, oppure che l’ace c’è solo quando il giocatore in ribattuta non tocca la palla e non quando il servizio è vicino alla linea… Quando, poi, dopo una straordinaria “veronica” (volee alta di rovescio) con la quale l’americana è riuscita ad arpionare e respingere un gran pallonetto di Fognini,  ha inspiegabilmente esclamato “grave errore della Williams”, è stato impossibile non pensare che fosse un sorta di hacker, un infiltrato che si è divertito a fare la telecronaca.

L’allenatore nel pallone, Bonitta peggio di Oronzo Canà. La nazionale di pallavolo femminile è, indiscutibilmente, la più grande delusione di questa prima parte delle Olimpiadi. In realtà le avvisaglie del disastro c’erano tutte, non fosse altro per il fatto che l’allenatore Bonitta aveva lasciato a casa un’intera squadra molto più forte di quella portata a Rio. Come se non bastasse nelle prime tre partite (3 sconfitte 0-3 ed eliminazione matematica) la confusione e l’improvvisazione in campo faceva tornare alla mente il famoso schema delle “farfalle impazzite” tanto caro ad Oronzo Canà (Lino Banfi nel film “L’allenatore nel pallone”). Per carità, capita a tutti di sbagliare, ma l’ineffabile Bonitta ha pensato di andare oltre, dichiarando, dopo la terza sconfitta (e la già certa eliminazione): “Non ho rimpianti e rimorsi, rifarei tutto uguale, rifarei le stesse scelte”. E, sicuramente, i risultati pure sarebbero gli stessi…

Perazzoli e il nuovo che avanza. Leggendo le cronache locali sabato 13 agosto, all’improvviso una notizia ha attirato la mia attenzione. L’ex candidato sindaco di San Benedetto Paolo Perazzoli, secondo quanto riportato da tutti i quotidiani, avrebbe deciso di creare una nuova associazione pronta a schierarsi per il no al referendum. Fino a qui nulla di strano, l’endemico autolesionismo del Pd è ampiamente noto. Ma un sussulto me l’ha provocato leggere il nome della nuova associazione, “Rinnovamento e Progresso”. Ma che cos’è, uno scherzo? Il nome “Rinnovamento” ad un’associazione creata da Perazzoli, in politica da 30 anni, consigliere comunale, poi sindaco, poi ancora consigliere comunale, poi consigliere regionale, ecc. ecc.? Non ci credo, devo essere davvero “alla frutta” per poter anche solo immaginare di aver letto una cosa del genere, mi sa tanto che è arrivato il momento di fare una pausa, buon ferragosto a tutti…

 

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.