Notte bianca, Quintana, eventi estivi: comunque vada, sarà un successo!


Sindaco e assessori “su di giri” per il successo della notte bianca e la “Quintana dei record”. Ma non mancano le perplessità e i dati ufficiali parlano di calo di spettatori per le giostre di luglio e agosto

Questa volta non è arrivato il solito comunicato stampa dai toni trionfalistici del sindaco (almeno fino alla serata di giovedì 11 agosto). Però già al risveglio, dopo la lunga nottata in giro per il centro di Ascoli in occasione della “notte bianca”, abbiamo  immediatamente trovato su facebook i commenti entusiastici, con tanto di foto, di qualche assessore, seguito poi dall’ormai consueto epiteto di gufi (a tal proposito non finiremo mai di ringraziare il presidente del Consiglio Renzi che ha dato il via alla moda di chiamare gufi chi non condivide il suo entusiasmo…) nei confronti di chi osa o oserà sostenere il contrario o anche solo avanzare qualche perplessità.

Sfidando il pericolo di essere bollati in quel modo (e a leggere i commenti sui social network Ascoli deve essersi riempita di gufi…), non possiamo fare a meno di sottolineare che quella di mercoledì 10 agosto è sembrata (magari anche a causa del tempo non propriamente estivo) un’edizione in tono minore. In particolare già poco dopo la mezzanotte, esclusa piazza del Popolo, non c’era certo una gran folla nelle altre zone del centro. E, poi, dal punto di vista della proposta culturale e dell’intrattenimento si ha la sensazione che la situazione peggiori di anno in anno, mentre crescono chioschi e chioschetti che fanno da mangiare e da bere. Certo è impensabile riproporre la straordinaria varietà (e anche qualità) di eventi che animarono la prima notte bianca, quell’edizione costò 125 mila euro e ora sarebbe folle riproporre una simile spesa.

Ma, a proposito di soldi, bisognerebbe anche chiedersi se vale la pena di spendere 40 mila euro per un evento che, così com’è, assomiglia tanto ad una sagra di paese. Ecco, se la manifestazione di mercoledì 10 la consideriamo in quel modo allora si che c’è di che essere entusiasti, la sagra del capoluogo piceno ha di gran lunga sbaragliato quelle di Palmiano, Rotella, Venarotta, Roccafluvione, Campifolone e altri comuni piceni.

Naturalmente ora ci aspettiamo che il primo cittadino snoccioli numeri “strabilianti” e parli di presenze ed edizione record. Proprio come ha fatto solo un paio di giorni prima per la Quintana, definita, nel comunicato stampa del 9 agosto scorso, “la Quintana dei record”. Non solo, sempre secondo Castelli, le due edizioni di luglio e agosto hanno fatto registrare “incassi e partecipazione senza precedenti” al punto da poter affermare senza possibilità di smentita che “la nuova formula funziona”. Per carità, nessuno aveva dubbi in proposito, da 7 anni ad ogni evento o manifestazione organizzati dal Comune ci sentiamo ripetere dal sindaco le stesse litanie e, quindi,  eravamo certi del perfetto funzionamento della nuova formula della Quintana (ma siamo sicuri che sia così tanto diversa rispetto a quella precedente?).

Tutto molto bello se non fosse che c’è un piccolo problemino, i numeri e i dati fotografano uno scenario un pochino differente. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Le due edizioni della Quintana 2016, definite dal sindaco “da record”, hanno fatto registrare 3.600 spettatori e 61 mila euro di incasso a luglio e 4 mila spettatori e 66 mila euro di incasso ad agosto. Numeri record? Neanche per sogno, a smentire le affermazioni del sindaco è, incredibile ma vero, lo stesso Castelli. Che, nel comunicato stampa del 14 luglio 2015, in merito all’edizione di luglio della Quintana affermava: “Al campo giochi si è registrato il tutto esaurito, con oltre 4 mila spettatori”. E il nostro istinto da gufi ci suggerisce che, se il sindaco versione 2015 ha detto la verità, nell’edizione di luglio 2016 si è registrato un netto calo di presenze allo Squarcia (400-500 spettatori in meno). A rendere ulteriormente poco credibile l’immagine di “Quintana dei record” ci sarebbe, poi, anche il comunicato stampa del 4 agosto 2014 nel quale, sempre il primo cittadino, parla di importante incasso e di oltre 4 mila spettatori al Campo Squarcia.

Altro che record, quindi, a voler credere ai dati forniti da Castelli versione 2015 e Castelli versione 2014 sia a luglio che ad agosto 2016 si è registrato un calo di spettatori. In pratica un mezzo “fiasco” (per non parlare del “fiasco” totale della diretta tv, con uno share ridicolo e ben 123 mila spettatori in meno rispetto all’anno scorso) , termine che, però, non rientra nel vocabolario del primo cittadino ascolano. Che, invece, deve avere qualche problema con la matematica e i numeri (saranno gufi anche loro?) o, in alternativa, deve avere in Comune un “buontempone” che si diverte a cancellargli dati e numeri degli anni precedenti. Perché anche con quelli su arrivi e presenze turistiche più di una volta ha fatto un po’ di confusione. Come ad inizio 2015 quando, in merito ai dati sulle presenze turistiche, ha parlato di “incremento nell’ordine di 20 mila presenze ottenuto nel 2014 rispetto al 2013”, clamorosamente smentito dai dati ufficiali regionali (e verificabili da chiunque) secondo i quali nel 2014 ad Ascoli erano state registrate 143.932 presenze rispetto alle 155.414 del 2013 (quasi 12 mila in meno).

Meglio non parlare di dati, quindi, un consiglio che il primo cittadino dovrebbe tenere bene a mente in vista del prossimo bilancio di fine estate, quando bisognerà fare un consuntivo sulle manifestazioni che si sono svolte in città. Ma, riprendendo un vecchio motto di Piero Chiambretti, si può essere certi che “comunque vada, sarà un successo!”.

Certo, poi ci sarebbe anche da parlare di quanto è stato speso e, soprattutto, se la qualità degli eventi proposti giustifichi la spesa (comunque consistente, ma presto sapremo essere più precisi…). In quel caso, però, forse sarà meglio farlo con qualche altro componente della giunta, magari l’assessore alla cultura, visti i problemini che il primo cittadino ha dimostrato di avere con dati e numeri…

comments icon 2 comments
bookmark icon

2 thoughts on “Notte bianca, Quintana, eventi estivi: comunque vada, sarà un successo!

    Write a comment...

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.