Partenza con “giallo” per il sindaco Fioravanti


Mentre il sindaco presenta alla stampa la nuova giunta comunale, sull’albo pretorio on line viene pubblicata la determina relativa alla composizione dell’ufficio di staff del primo cittadino ma con i nomi e gli stipendi dei diretti interessati inspiegabilmente secretati

Nel giorno della presentazione ufficiale della giunta comunale, con le deleghe assegnate ad ognuno degli assessori (per altro già in gran parte rese note nel corso del Consiglio comunale di sabato 30 giugno), l’avvio del mandato amministrativo del sindaco Fioravanti si tinge di giallo. Nella stessa giornata di mercoledì 3 luglio, infatti, sull’albo pretorio on line del Comune è stata pubblicata la determina relativa alla composizione del cosiddetto ufficio di staff del sindaco.

I cui nomi, però, restano al momento top secret. In realtà nel titolo della determina n. 1813 viene dato qualche indizio, perché vengono indicate le iniziali dei tre membri dello staff, 2 assunti a tempo determinato e rapporto di lavoro a tempo pieno ed 1 a tempo determinato in regime di part time per 20 ore settimanali: rispettivamente C.C. e S.P, D.A.M. Immediatamente poco dopo sui social si è scatenata la caccia, con ipotesi e supposizioni sui possibili prescelti.

Pubblicità

In realtà su uno dei 3 nomi non sembrano esserci moti dubbi e praticamente tutti sono certi che si tratti di un ex assessore già dai tempi della prima amministrazione Celani (una ventata di novità, in altre parole). Sugli altri due c’è un po’ più di incertezza, con gli indizi principali che si indirizzano su un giovane giornalista (sai che novità…) e su una giovane rappresentante di una delle liste di supporto al sindaco Fioravanti. In un Comune “normale”, dove la trasparenza è un principio da seguire senza esitazioni, in realtà basterebbe aprire la determina in oggetto per avere il quadro completo della situazione.

Per l’esattezza, per sapere chi sono i 3 componenti del cosiddetto “ufficio di supporto agli organi di direzione politica” e quanto costano annualmente alla comunità (in pratica il loro stipendio annuale). Invece, a sorpresa, nell’albo pretorio on line aprendo la determina in questione ci si trova di fronte praticamente ad una pagina bianca, con semplicemente l’oggetto della determina (“assunzioni ex art. 90 d.lgs 267/2000 a decorrere dal 20 giugno 2019) e la scritta “con la presente si intende assumere lo staff del sindaco”.

Poi più nulla, nessuna indicazione sui nomi dei 3 addetti, tanto meno alcun riferimento al loro indennizzo (stipendio), due desolanti pagine bianche. Sinceramente inspiegabile e inaccettabile, certo non il migliore dei modi per iniziare un percorso differente rispetto ai precedenti 5 anni durante i quali, appunto, di trasparenza amministrativa se ne è vista ben poca.

Quasi superfluo aggiungere che sui social subito sono state espresse forti perplessità in proposito. Della vicenda se ne è occupato anche il consigliere comunale del Pd Francesco Ameli che ha poi riferito che nella giornata odierna (giovedì 4 giugno) sarà finalmente visibile sull’albo pretorio on line la determina con tanto di nomi degli addetti (vedremo se anche stipendi, come sarebbe necessario fare). Tutto è bene quel che finisce bene (forse).

Però restano non poche perplessità su una vicenda che non è certo molto edificante per l’amministrazione comunale. Anche perché la determina in questione (la n. 1813) è stata approvata 15 giorni fa (il 20 giugno) e quindi c’era tutto il tempo per pubblicarla adeguatamente da subito, con l’intero corpo della determina visibile, senza dover censurare nulla. E non doveva esserci bisogno dell’intervento del consigliere comunale Ameli per ottenere quell’atto di trasparenza che dovrebbe, invece, orientare sempre e comunque l’attività dell’amministrazione comunale. Poi, in concreto, quando saranno finalmente resi noti i nomi si potranno valutare le scelte del sindaco.

Certo che se davvero fosse azzeccata l’ipotesi che vuole che una di quelle tre iniziali corrisponda ad un ex assessore delle precedenti giunte, saremmo di fronte ad un clamoroso e imbarazzante autogol. Non vogliamo crederci e siamo certi (quasi certi…) che non sarà così, sarebbe davvero un inizio pessimo per Fioravanti. Che, comunque, dopo un difficile parto, nella giornata di ieri ha presentato ufficialmente la nuova giunta che vede Gianni Silvestri (prossimo alle nozze d’argento in Comune…) come vice sindaco. In 4 (lo stesso Silvestri, Domenico Stallone, Massimiliano Brugni e Donatella Ferretti) hanno già ricoperto in passato il ruolo di assessore, a cui si aggiunge Monica Acciarri vera e propria veterana della politica locale e regionale, anche se fino a qualche mese fa dall’altra parte della barricata.

Alla prima esperienza in giunta, invece, Marco Cardinelli, Dario Corradetti, Monia Vallesi e Maria Luisa Volponi. E proprio le queste ultime due sono le destinatarie delle deleghe che hanno suscitato il maggiore scalpore, rispettivamente ai grandi eventi e alla qualità della vita. Non si può fare a meno di sottolineare come la delega specifica ai grandi eventi sia una novità assoluta nell’intero paese. Neppure le amministrazioni comunali delle metropoli italiane hanno un assessore che si occupa esclusivamente di eventi, Milano, Torino e Napoli non ce l’hanno proprio tra le deleghe assegnate, mentre a Roma è l’assessore allo sport e politiche giovani che ha la delega agli eventi.

Una singolarità che, per avere un senso compiuto, dovrà determinare nei prossimi mesi l’avvio di una serie di grandissimi eventi nella nostra città tali da giustificare quella che al momento sembrerebbe invece una forzatura. Superfluo aggiungere che saremmo felicissimi, tra qualche tempo, di poter invece constatare che è stata una mossa azzeccata e quanto mai opportuna. Per quanto riguarda la delega per la qualità della vita (anche in questo non esiste quasi in nessun altro Comune italiano), in genere dovrebbe essere insita nella delega delle politiche sociali.

Sarebbe sin troppo facile a tal proposito fare ironia, ci limitiamo a sottolineare questa ulteriore singolarità, in attesa di capire meglio come si esplicherà concretamente l’attività dell’assessore in questione. Naturalmente, “gialli”, singolarità e dubbi a parte, non possiamo che augurare alla giunta, dal sindaco Fioravanti a tutti gli assessori, il meglio possibile. Saremmo ipocriti se fingessimo di avere non poche perplessità sull’adeguatezza del primo cittadino e della giunta stessa. Ma con altrettanta franchezza ci auguriamo vivamente, per il bene del nostro capoluogo, di sbagliare.

Questa la composizione della giunta comunale con le rispettive deleghe (ricordano che il primo cittadino ha tenuto per se quelle relative a polizia municipale, sviluppo industriale, personale, organizzazione e innovazione, politiche comunitarie, ambiente e ricostruzione):

Sindaco: Marco Fioravanti

Vice sindaco: Gianni Silvestri

(deleghe: urbanistica, pianificazione urbanistica, piano regolatore generale, edilizia privata, edilizia residenziale pubblica, sportello unico delle imprese, edilizia sportiva, piano e gestione arredo urbano, pianificazione della mobilità e della sosta)

Assessore: Monica Acciarri

(deleghe: turismo, agricoltura, pubblica istruzione scuole, smart city, mense scolastiche)

Assessore: Massimiliano Brugni

(deleghe: servizi sociali, politiche abitative, politiche familiari, prima infanzia, emergenza casa, immigrazione, disabilità e relativi trasporti, farmacie, rapporti con associazioni di volontariato, sicurezza urbana, protezione civile)

Assessore: Marco Cardinelli

(deleghe: lavori pubblici, manutenzione strade, segnaletica, pubblica illuminazione, calore)

Assessore: Dario Corradetti

(deleghe: bilancio, finanze e tributi, analisi economica delle società partecipate, contenzioso, patrimonio, gare e contratti, economato)

Assessore: Donatella Ferretti

(deleghe: cultura, musei, teatri, biblioteche, servizi demografici, toponomastica, università, Spontini)

Assessore: Domenico Stallone

(deleghe: sport, gioventù, impiantistica sportiva, rapporti con l’associazionismo sportivo e giovanile, commercio e artigianato, rilancio del centro storico, urp, ced e gemellaggi)

Assessore: Monia Vallesi

(deleghe: programmazione e organizzazione eventi, fiere e mercati)

Assessore: Maria Luisa Volponi

(deleghe: qualità della vita, Ascoli green, pari opportunità)

Pubblicità

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *