Finalmente Petrucci! Al Mugello prima vittoria in carriera


Il pilota italiano riesce finalmente a centrare il successo che gli mancava da sempre dopo un lungo duello con il campione del mondo Marquez e con il compagno di squadra Dovizioso, che lo seguono sul podio. Disastro Valentino Rossi, che cade mentre era già ultimo

Danilo Petrucci ce l’ha fatta, al Mugello ha vinto per la prima volta in MotoGP dopo una gara bellissima e combattutissima sin dall’inizio. Il pilota della Ducati, che era andato molto vicino al successo varie volte per poi vederlo sempre sfumare, ha battagliato con tutti i suoi avversari ed è stato quello che ha passato più tempo in testa, mostrando per quasi tutta la gara di averne leggermente di più.

Grandi protagonisti della battaglia sono stati anche Marc Marquez e Andrea Dovizioso, poi giunti secondo e terzo. I primi tre sono arrivati affiancati alla prima curva dell’ultimo giro e, mentre Marquez e Dovizioso si sono toccati, Petrucci ne ha furbamente approfittato per mantenere la vetta. Il campione spagnolo ha provato a beffarlo in volata ma senza successo. Menzione anche per Alex Rins, ottimo quarto con la Suzuki e che è riuscito a restare con i primi tre per tutta la gara nonostante un moto inferiore.

Pubblicità

Disastro Valentino Rossi, con il nove volte campione del mondo disastroso in qualifica, partito male, scivolato in coda per un errore per poi stendersi ed essere costretto al ritiro. La Yahama su questa pista non andava ma il pilota di Tavullia ci ha messo molto del suo in negativo. Grande delusione per l’italiano che sicuramente avrebbe sperato in altro nel gran premio di casa.

In classifica iridata Marquez ora ha dodici punti su Dovizioso, unico che sembra in grado di poter provare a contrastarlo. Lo spagnolo sembra nettamente più forte ma finchè la classifica lo permette è giusto continuare a sperare. La battaglia fra i due riprenderà in Catalogna, su una pista dove sia la Honda che la Ducati sono storicamente molto forti. La speranza è di assistere ad uno spettacolo bello come quello di oggi.

LA CRONACA

Al via Marquez tiene la vetta davanti a Cruthclow e alle due Ducati con un fenomenale Dovizioso davanti a Petrucci. Al termine del primo giro i due del team italiano si liberano di Cruthclow e salgono in seconda e terza posizione ma sul rettilineo Petrucci viene passato da Miller, che da quinto passa a terzo. Il giro successivo l’italiano e l’australiano si riscambiano la posizione per tre volte con Petrucci che alla fine ha la meglio.

Rossi è solo sedicesimo mentre dalle retrovie inizia la rimonta di Rins, che risale fino alla quarta posizione in poche curve. Il pilota Suzuki è scatenato e si libera anche di Petrucci. I primi nove rimangono molto vicini con Marquez che non riesce a scappare. Sul rettilineo Rins viene ripassato sia da Petrucci che da Miller.

A 19 giri dalla fine Petrucci passa Dovizioso e Marquez, prendendosi la vetta, mentre Rossi commette un errore e scivola in ultima posizione. Le Ducati sono scatenate e anche Dovizioso e Miller passano Marquez, che viene preso di sorpresa anche da Rins e scivola in quinta posizione. Il giro seguente Dovizioso ripassa Petrucci e va in testa mentre Marquez si riprende la posizione su Rins.

A sedici giri dalla fgine Miller attacca Petrucci ma ottiene solo di farsi passare da Marquez e Rins, con il gruppo di testa che si è ridotto a sei piloti. Dovizioso e Petrucci si passano e ripassano in poche curve così come Rins e Miller mentre dietro Rossi cade e deve ritirarsi. Intanto davanti Rins passa Marquez e sale in terza posizione.

I continui sorpassi fanno sì che i primi nove siano tutti vicini. A 14 giri dalla fine Rins passa Petrucci poi attacca senza successo Dovizioso. Poche curve dopo il forlivese commette un errore e scivola in terza posizione, con Rins che prende la vetta. Sul rettilineo succede di tutto e Petrucci prende la vetta davanti a Dovizioso, Marquez e Rins. Il pilota Suzuki non ci sta e poche curve dopo ripassa Marquez.

A 12 giri dalla fine Marquez passa nuovamente Rins e torna in terza posizione. Petrucci prova a tirare per sgranare il gruppo di testa. In un solo giro i primi cinque prendono qualche metro sugli altri. A dieci giri dalla fine Marquez passa Dovizioso e sale in seconda posizione. Poche curve dopo il pilota Ducati deve difendersi anche dall’attacco di Rins.

A otto giri dalla fine Miller fa il giro veloce poi si stende, lasciando quattro piloti in testa. Il giro seguente Marquez tenta l’attacco su Petrucci che resiste. Lo spagnolo ci riprova senza molta convinzione al passaggio successivo, restando secondo. A cinque giri dalla fine Dovizioso passa Marquez e sale in seconda posizione, con Petrucci che ne approfitta per prendere qualche metro di vantaggio.

A quattro giri dalla fine Dovizioso passa anche Petrucci e va al comando ma poche curve dopo i due si scambiano nuovamente la posizione. A tre giri dalla fine le due Ducati si attaccano di nuovo ma Petrucci resta davanti. A due giri dalla fine Marquez prova senza successo a passare Dovizioso.

All’inizio dell’ultimo giro succede di tutto con Marquez che passa entrambe le Ducati e si tocca con Dovizioso, con Petrucci che riprende la vetta davanti allo spagnolo. All’ultima curva Rins attacca Dovizioso e Marquez prova a passare Petrucci in volata ma le posizioni non cambiano. Petrucci vince la prima di carriera davanti a Marquez, Dovizioso e Rins. (DSD)

Pubblicità

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *