Il sogno parigino di Stefano Travaglia


Il tennista ascolano va a caccia dell’ingresso nel tabellone principale del Roland Garros, il secondo torneo dello Slam dell’anno. Superato  l’austriaco Rodionov, ora sulla sua strada trova il croato Serdarusic. Poi, in caso di vittoria, uno tra il belga Darcis e il francese Denolly

Inizia nel migliore dei modi, pur se con qualche inaspettato rischio di troppo, il cammino di Stefano Travaglia verso il tabellone principale del Roland Garros che prenderà il via domenica 26 maggio. Opposto, nel primo turno delle qualificazioni, all’austriaco Jurij Rodionov (numero 187 del ranking mondiale) il tennista ascolano (attualmente n. 120) ha dovuto faticare quasi 2 ore prima di imporsi, solamente al tie break del terzo e decisivo set, con il punteggio di 1-6, 6-3, 7-6 (4). Superato il primo, Travaglia dovrà ora superare altri due ostacoli per poter entrare nel tabellone principale del secondo Slam dell’anno, quello che si gioca sulla terra rossa di Parigi. Per lui sarebbe la prima volta, visto che negli anni passati l’obiettivo è stato fallito e che quello parigino è l’unico tra i 4 tornei dello Slam che non lo ha mai visto al via, sempre per quanto concerne il tabellone principale.

Paradossalmente proprio l’austriaco Rodionov potrebbe essere l’avversario con la classifica migliore che il tennista ascolano trova sulla strada verso l’ingresso nel tabellone principale. Non solamente per questo il tennista ascolano temeva molto questo primo turno. “Ho avuto solo mezza giornata per giocare qua e le condizioni erano molto diverse da quelle di Heilbronn dove ho giocato la settimana scorsa” ha dichiarato Travaglia. Che, proprio per questo ha avuto moltissime difficoltà ad inizio partita, da subire (dall’1-1 iniziale) un parziale di 5 game di fila e perdere il primo set in maniera sin troppo netta (1-6).

Nel secondo set la situazione è pian piano migliorata, il tennista ascolano ha trovato un po’ più di sicurezza al servizio ed è stato bravo a sfruttare una delle due opportunità avute per mettere a segno il break decisivo per il 6-3 finale. Il terzo e decisivo set è filato via all’insegna dei servizi, con Travaglia che ha dovuto annullare due pericolosissime palle break. Inevitabile la conclusione al tie break che il tennista ascolano ha iniziato nel modo migliore, portandosi subito avanti  3-0 e riuscendo a mantenere fino alla fine il vantaggio.

E’ stata una partita molto dura – ha commentato Travaglia – era difficile rispondere al suo servizio mancino. Nel secondo st ho provato a stare più vicino in un game e ho fatto il break, mentre nel terzo ho annullato due palle break in un game molto importante e nel tie break ho alzato il livello”. Nella strada che conduce al tabellone principale del torneo dello Slam ora il tennista ascolano si troverà di fronte il 22enne croato Nico Serdarusic, numero 249 del ranking, che nel primo turno ha superato agevolmente il cinese Li con il punteggio di 6-2, 6-2.

L’incontro è in programma mercoledì 22 maggio, orario ancora da definire. In caso di vittoria al terzo e decisivo turno Travaglia troverebbe il vincente della sfida tra il 35enne belga Darcis (numero 244) e il 21enne francese Denolly (numero 429 e nel tabellone delle qualificazioni solo grazie all’invito degli organizzatori). Una grande opportunità per il tennista ascolano che ovviamente dovrà lottare per centrare l’obiettivo ma che, onestamente, non avrebbe potuto avere un tabellone migliore. Lo scorso anno Travaglia si fermò al secondo turno perdendo contro Ernst Gulbis dopo aver vinto il primo set ed essere arrivato nel secondo ad un passo dal successo.

Superfluo sottolineare che per il tennista ascolano si tratterebbe di un ottimo risultato che servirebbe a risollevare una stagione che, iniziato positivamente, non è fino ad ora proseguita nel migliore dei modi. Come detto l’avvio era stato dei migliori, con l’accesso al tabellone principale dell’Australian Open (il primo dei tornei dello Slam) e, addirittura, anche il passaggio del primo turno, grazie alla vittoria sull’argentino Andreozzi. Addirittura Travaglia aveva sfiorato il terzo turno, uscendo sconfitto solo al quinto set dal georgiano Basilashvili.

Nel proseguo della stagione, però, per lungo tempo non sono arrivati i risultati sperati. Solo nelle ultime settimane sono arrivati segnali incoraggianti, con la vittoria a fine aprile del challenger di Francavilla e la semifinale in Germania a Heilbronn, sconfitto dal serbi Krajinovic (numero 69 del ranking), al termine di una partita a lungo dominata dal tennista ascolano che si è trovato avanti 6-1, 4-1 prima di subire il ritorno dell’avversario. Un’occasione persa ma anche la convinzione di aver finalmente ritrovato il suo miglior tennis.

Che potrebbe essere sufficiente per consentirgli di entrare finalmente nel maim draw del Roland Garros.

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *