Fenati beffa in Qatar, è solo nono


Esordio amaro per Fenati nel mondiale 2019. L’ascolano corre una gran gara e pare il favorito per la vittoria ma fraintende una comunicazione della direzione e sconta una penalità che non gli era stata comminata, giungendo solo nono

Non è iniziata nel migliore dei modi la stagione di Romano Fenati. Il pilota ascolano è arrivato soltanto nono nella prima gara della stagione in Qatar. Grande rammarico, considerato che Romano è stato il più veloce in pista per tutta la gara e che è stato per dei tratti anche in testa alla corsa.

Dopo una qualifica deludente a causa di un errore di calcolo del team, che ha impedito a Fenati di realizzare il suo giro veloce, il pilota di Ascoli aveva condotto una gara perfetta. Partito senza rischiare nulla era comunque risalito dalla sedicesima posizione alla prima, realizzando anche il record della pista.

Pubblicità

Purtroppo però la corsa dell’ascolano è stata rovinata da un errore banale a quattro giri dalla fine. Fenati ha ricevuto dalla direzione gara un avvertimento per aver messo le ruote fuori dal cordolo. L’avvertimento non comporta alcuna penalità ma il pilota ascolano ha capito male e ha scontato un “long lap penalty”, ovvero il passaggio su una corsia esterna alla pista, concepita per far perdere tempo.

Così in una curva l’ascolano si è ritrovato da primo a tredicesimo. Negli ultimi tre giri Fenati è risalito fino al nono posto, ma visto quanto stava andando forte non può dirsi soddisfatto del risultato. Ampiamente positiva la prestazione, visto che sia il pilota che la moto andavano fortissimi.

A vincere è stato il giapponese Toba davanti all’italiano Dalla Porta e allo spagnolo Canet. Le prossime due tappe saranno l’Argentina e gli Stati Uniti, due piste su cui Fenati è sempre andato forte e sulle quali un risultato diverso da una vittoria o da un podio sarebbero una delusione. Nonostante una prima gara con un risultato al di sotto delle aspettative, questo Fenati può lottare per il mondiale. (DSD)

Pubblicità

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *