Vettel e la Ferrari vincono in Australia, beffato Hamilton


Sebastian Vettel vince grazie alla strategia la prima gara del 2018. Beffato Hamilton, per lunghi tratti leader del gran premio. Festa Ferrari completa con un superbo Raikkonen sul podio. Ottimo quinto un ritrovato Alonso, pessima gara di Bottas

Il mondiale 2018 di Formula 1 è iniziato nel migliore dei modi per la Ferrari. Sebastian Vettel ha vinto la prima gara della stagione a Melbourne, in Australia. Il pilota tedesco, dopo una qualifica non perfetta, ha approfittato di una strategia aggressiva della Ferrari e di una virtual safety car capitata al momento giusto per prendersi la vetta e per poi mantenerla fino alla fine.

Secondo e beffato Lewis Hamilton su Mercedes, che ha condotto per lunghi tratti il gran premio, ma che ha perso la vetta durante le soste. Terzo un ottimo Kimi Raikkonen, che a Melbourne è stato aggressivo e in forma per tutto il weekend e che fino alle soste era davanti anche a Vettel.

Pubblicità

Daniel Ricciardo su Red Bull e Fernando Alonso su McLaren, quarto e quinto, possono dirsi soddisfatti delle loro gare in rimonta. Male Max Verstappen, autore di una pessima partenza e di un testacoda, solo sesto. Malissimo Valterri Bottas, solo ottavo, che ha commesso un errore da debuttante in qualifica ed è stato poi autore di una gara anonima.

La chiave della gara è stata la prima e unica sosta. Hamilton e Raikkonen si sono fermati per primi mentre Vettel ha allungato il suo primo stint e ha poi approfittato di una virtual safety car, causata dalla Haas di Grosjean, per fare la sosta perdendo meno tempo e per prendersi la vetta.

LA CRONACA

Al via Hamilton tiene la vetta davanti alle due Ferrari di Raikkonen e Vettel, mentre Verstappen perde una posizione ai danni della Haas di Magnussen. I primi tre allungano leggermente sugli altri, con Hamilton che stacca leggermente Raikkonen, mentre Verstappen non riesce a passare Magnussen. Ricciardo passa Hulkenberg e sale in settima poszione. Al sesto giro Sirotkin è il primo ritirato della gara, imitato poche curve dopo da Ericsson.

Al decimo giro Verstappen va in testacoda e scivola in ottava posizione. I primi tre rimangono in quattro secondi, mentre tutti gli altri sono staccatissimi. Bottas è ancora solo tredicisimo. Intorno al quindicesimo giro Hamilton inizia a spingere e allunga su Raikkonen. Gasly ha problemi tecnici e deve ritirarsi.

Al giro 19 Raikkonen è il primo pilota a fermarsi per la sosta. Il giro successivo si ferma anche Hamilton e mantiene la posizione sul finlandese, allungando subito con la gomma nuova. Al giro 22 si ferma anche Verstappen. Il giro successivo Alonso passa Sainz grazie ad un errore del pilota Renault. Al giro 23 Magnussen deve ritirarsi per una gomma fissata male e due giri dopo anche Grosjean deve fermarsi per lo stesso motivo.

C’è la Virtual Safety Car e molti piloti, tra cui Vettel, ne approfittano per fermarsi ai box. Grazie alla sosta Vettel passa sia Hamilton che Raikkonen. I commissari non riescono a rimuovere la vettura di Grosjean ed entra in pista la safety car. La classifica vede Vettel, Hamilton, Raikkonen, Ricciardo, Alonso e Verstappen nelle prime sei posizioni.

Alla ripartenza non ci sono sorpassi nelle prime dieci posizioni. Vettel e Hamilton allungano leggermente su tutti gli altri. Bottas intanto si è riportato in ottava posizione. I primi due sono molto vicini, mentre Raikkonen deve lottare con Ricciardo per la terza posizione. Al giro 38 l’australiano attacca il finlandese ma senza successo.

Al giro 47 Hamilton va leggermente lungo e perde qualche metro da Vettel. L’inglese recupera in pochi giri il distacco dal tedesco e gli torna in scia. A cinque giri dalla fine Hamilton accusa dei leggeri problemi e si stacca da Vettel. Non ci sono cambiamenti e Vettel vince il gran premio davanti ad Hamilton e Raikkonen.

LE PAGELLE

Vettel 8: qualifica non perfetta, gara senza sbavature. Bravo e fortunato con la strategia, perfetto nel tenersi dietro Hamilton nel finale.

Hamilton 9: mostruoso in qualifica, in gara sfortunato. Questo weekend ne aveva più di tutti ma ha perso la vittoria per sfortuna.

Raikkonen 8: aggressivo come non si vedeva da tempo, veloce in qualifica e in gara. Miglior esordio stagionale da quando è in Ferrari.

Ricciardo 7: dopo una qualifica negativa una buona gara in rimonta. Bei sorpassi e gran ritmo, dimostra che la Red Bull quest’anno c’è.

Verstappen 4,5: ottimo in qualifica ma pessimo in gara. Brutta partenza poi un testacoda evitabile. Forse una delle sue peggiori gare di sempre.

Bottas 3: malissimo in qualifica, anonimo in gara. A punti solo grazie alla fortuna, altrimenti il disastro sarebbe stato completo. Non è un pilota da Mercedes.

Alonso 9: bella rimonta da decimo a quinto, con una McLaren inferiore. Quest’anno sembra poter lottare per essere il migliore, tolti i tre top team. (DDS)

Pubblicità

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *