Travaglia spaventa Berdych e si consola con la miglior classifica di sempre


Il tennista ascolano gioca un grandissimo primo set, vinto 7-5, recupera da un break sotto nel secondo ma non riesce a chiudere al tie break. L’ex numero 4 al mondo si salva e poi nel terzo chiude 6-3. Lunedì Stefano Travaglia salirà al 118simo posto, suo best ranking

Un grande Stefano Travaglia spaventa Tomas Berdych e va ad un passo dalla grande impresa, finendo per cedere solo al terzo set dopo 2 ore e 14 minuti di gioco. Peccato perché il tennista ascolano ha disputato un grandissimo match, supportato da un ottimo servizio (20 ace e tanti servizi vincenti), mostrando di essere pronto per giocare con continuità ad alti livelli.

Resta il rammarico perché, dopo aver vinto 7-5 il primo set, Travaglia sotto di un break era riuscito a recuperare e a trascinare il secondo set al tie break dove, addirittura, si è portato avanti 3-2 con un mini break di vantaggio. In quel momento l’impresa sembra possibile ma un banale errore di rovescio ha restituito la parità al tennista ceco che, poi, ha cambiato marcia non concedendo più nulla al tennista ascolano. Che ha comunque avuto il merito di non mollare e di non cedere mai, tenendo aperta la partita fino alla fine.

Pubblicità

Per lui la consolazione della migliore classifica della sua carriera, visto che lunedì prossimo sarà n. 118 nel ranking Atp. Con la convinzione che, giocando come contro l’ex numero 4 al mondo (e attuale n. 17), ci sono concrete possibilità di avanzare ben oltre.  Il primo set inizia all’insegna dei servizi. Dopo un primo game vinto da Berdych a 30, nei successivi 5 game ben 4 vengono vinti a zero da chi è al servizio. Sul 3-3 arriva il primo game combattuto, con Travaglia che con un gran passante di rovescio si porta sul 15-30, poi sfrutta un errore del ceco per conquistare la prima palla break del set. Berdych però non trema e con 3 servizi vincenti si porta sul 4-3. L’ascolano non accusa il colpo e nel game successivo chiude ancora a zero, con due ace e due servizi vincenti. Sotto 5-4 Travaglia per la prima volta al servizio concede due punti all’avversario ma  con due ace di fila si porta sul 5-5.

Nel game successivo, dopo un servizio vincente e un errore del ceco, Travaglia sale in cattedra. Con uno splendido rovescio lungolinea e con una risposta vincente di diritto ottiene due palle break, chiudendo alla prima occasione con un altro diritto vincente. Il tennista ascolano può servire per il set e, dopo l’ace iniziale, in un attimo è  sul 40-0. All’improvviso, però, l’ex numero 4 alza il livello del suo gioco, annulla i tre set point e si conquista la palla per portare il set al tie break, annullata da uno splendido diritto vincente di Travaglia. Che, però, non riesce a sfruttare neppure il quarto set point e con un errore concede all’avversario una seconda possibilità di contro break.

Ma con due servizi vincenti l’ascolano annulla la palla break e conquista il quinto set point, per poi chiudere con l’ottavo ace di un primo set davvero da applausi. Il secondo set inizia con game più combattuti. Sotto 1-0 Travaglia con il primo doppio fallo si trova sul 15-30 ma chiude il game con tre servizi vincenti. Stesso copione nel quarto game ma questa volta dopo il doppio fallo arriva anche un errore di rovescio, con Berdych che non perde l’occasione e con un rovescio vincente ottiene il break. Il tennista ascolano prova a reagire e nei due turni successivi di servizio del ceco si porta sul 15-20 ma non riesce ad ottenere il contro break.

Il tennista ceco serve per il set sul 5-3  ma Travaglia con tre vincenti conquista tre palle break, le prime due annullate da Berdych con il servizio. Sul 30-40, però, al termine di uno scambio estenuante, sempre condotto, il tennista ascolano ottiene il break e poi conclude la rimonta tenendo il successivo turno di servizio. Si arriva così al tie break che il tennista ascolano inizia nel migliore dei modi, portandosi sul 2-1 con un ace e un diritto vincente. Con uno straordinario rovescio lungo linea trova anche il punto del mini break (3-2).

Ma, proprio sul più bello, due errori permettono a Berdych di superare e poi allungare sul 6-3, per poi chiudere alla seconda opportunità sul 7-4. Si va al terzo e decisivo set che Travaglia apre tenendo il servizio con tre ace. Nel game successivo si porta sullo 0-30 ed è sfortunatissimo per il diritto vincente per il possibile 0-40 esce davvero di un nulla. : Berdych si salva e nel game successivo ottiene il break, grazie anche ad un doppio fallo. Il tennista ascolano non molla, nel quarto game riesce a risalire da 0-30, portandosi sul 3-2.

Nel game successivo trascina Berdych ai vantaggi ma non è fortunato perché sul 40-40 il ceco trova l’ultimo centimetro della riga e mantiene il break di vantaggio. Travaglia ci riprova nell’ottavo game, con due splendidi punti si porta sul 30-30 ma il ceco sbroglia la matassa con il servizio. Nel game successivo Berdych trova tre grandi risposte e in un attimo conquista tre match point, chiudendo alla terza opportunità dopo 2 ore e 14 minuti.

Pubblicità

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *