Due tie break regalano a Travaglia l’accesso al tabellone principale di Marsiglia


Il tennista ascolano supera dopo quasi 2 ore di lotta il tedesco Maden e accede al tabellone principale dell’Open 13 Provence di Marsiglia. Dove troverà il 18enne francese Hugo Gaston, non ancora classificato nel ranking Atp, che ha usufruito di una wild card

Sono serviti due tie break a Stefano Travaglia per battere il tedesco Yannick Maden nell’ultimo torneo delle qualificazioni e accedere così al tabellone principale del torneo “Open 13 Provence” di Marsiglia. Una bella soddisfazione per il tennista ascolano che la settimana scorsa aveva già centrato l’accesso al tabellone principale del torneo di New York, sfiorando poi il successo al primo turno contro il francese Chardy.

Una sconfitta che aveva lasciato l’amaro in bocca, visto il vantaggio di un set e le occasioni avute nella parte finale del secondo set (diverse palle break sul 5-5 che, se concretizzate, avrebbero permesso al tennista ascolano di andare a servire per il match), ma che comunque aveva permesso a Travaglia di guadagnare tre posizioni nel ranking Atp (da 132 a 129). A maggior ragione era fondamentale centrare l’ingresso al tabellone principale del torneo di Marsiglia, missione compiuta pur con qualche affanno.

Dopo aver vinto ieri (domenica 18 febbraio) nel primo turno delle qualificazioni contro il 18enne australiano Alex Popyrin con il punteggio di 7-6, 6-4, oggi all’ora di pranzo il tennista ascolano si è giocato l’ingresso nel main draw contro il tedesco Maden, n. 142 del ranking. Una sfida più difficile di quanto si potesse pensare, con Travaglia che ha avuto la meglio dopo quasi 2 ore di autentica battaglia e due tie break, in un match dominati dai servizi e nel quale non c’è stato neppure un break. Il tennista ascolano ha dovuto comunque affrontare e salvare 5 palle break, di cui 3 consecutive nel quinto game del primo set, ma a sua volta non è riuscito a sfruttare le quattro opportunità di strappare il servizio che ha avuto nei due set.

Decisivo il rendimento proprio del servizio di Travaglia che ha messo a segno ben 25 ace (e 2 soli doppi falli), con un’alta percentuale di prime palle messe in campo (il 64%) e un’importante percentuale di punti vinti con la prima di servizio (l’84%). A rendere più positiva la giornata del tennista ascolano anche l’accoppiamento del primo turno del torneo nel quale sarà opposto al 18enne francese Hugo Gaston, non ancora nel ranking Atp ed entrato in tabellone grazie ad una wild card. Un sorteggio più che fortunato, visto che Travaglia ha pescato l’avversario sulla carta più abbordabile dei 4 sorteggiato con i qualificati. Tra loro c’erano il forte tennista russo, in prepotente ascesa, Karen Khachanov e i più “abbordabili” Herbert (Francia) e Djere (Serbia), comunque entrambi molto più avanti in classifica. Naturalmente non bisogna certo illudersi che sarà semplice ma è innegabile che il tennista ascolano scenderà in campo con i favori del pronostico.

Se dovesse superare il giovanissimo francese, al secondo turno Travaglia troverebbe sulla sua strada il ceco Tomas Berdych, attuale n. 17 della classifica mondiale ma in passato anche n. 4 del ranking Atp. Un avversario quasi proibitivo, testa di serie n. 4 (e per questo esentato dal primo turno) di un torneo che vede come prima teste di serie lo spagnolo Bautista Augut e come seconda lo svizzero Wawrinka (vincitore di tre tornei dello Slam), mentre il numero tre del torneo è il francese Pouille. Un’occasione importante e da non lasciarsi sfuggire perché, oltre al prestigio di una sfida con un avversario così titolato, riuscire a superare anche il primo turno del tabellone principale permetterebbe al tennista ascolano di scalare ulteriormente il ranking Atp.

Non c’è ancora l’ufficialità ma la sfida di Travaglia contro il 18enne francese Gaston dovrebbe essere inserita nel programma di martedì 20 febbraio, su uno dei due campi principali.

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *