Super Travaglia a Doha, supera Al Mutawa e vola agli ottavi di finale


Inizia nel migliore dei modi il 2018 del tennista ascolano che, dopo aver superato le qualificazioni, al primo turno batte il tennista di casa (6-1, 6-2)  e vola agli ottavi di finale. Dove troverà il vincente della sfida tra lo spagnolo Ramos Vinolas e l’argentino Pella

Tutto facile per Stefano Travaglia all’ Exxon Mobil Open del Qatar, primo torneo Atp dell’anno che vede come prima testa di serie il numero cinque al mondo, l’austriaco Dominic Thiem. Opposto al 23enne del Qatar Jabor Al Mutawa, il tennista ascolano ha impiegato poco meno di un’ora per portare a casa la vittoria e l’accesso al turno successivo (ottavi di finale) con il punteggio di 6-1, 6-2.

Indiscutibilmente Travaglia ha avuto dalla sua il sorteggio favorevole che, in un tabellone di assoluto livello, gli ha messo di fronte al primo turno il 23enne atleta di casa Jabor Al Mutawa, n. 1654 del ranking Atp e nel torneo solo grazie ad un invito (wild care) degli organizzatori. Il tennista ascolano, però, è stato bravo a non lasciarsi sfuggire l’occasione che, per altro, si era guadagnato superando i due turni di qualificazione (contro il ceco Sofranek e il bosniaco Setkic) e conquistando così l’accesso al tabellone principale. Il match con il giocatore del Qatar ha avuto poca storia, con il primo set dominato e senza storia ed il secondo solo un po’ più lottato.

L’incontro inizia nel migliore dei modi per Travaglia che, dopo aver perso il primo punto su un servizio vincente di Al Mutawa, infila tre punti consecutivi e, grazie ad un doppio fallo dell’avversario, ottiene subito il break, tenendo poi a zero il suo turno di servizio e conquistando, sempre a zero, un secondo break. Sul 4-0 Travaglia si porta nuovamente 0-40 sul servizio di Al Mutawa che, però, annulla le tre palle break e, al secondo tentativo, riesce finalmente a conquistare il suo primo game. Resterà l’unico per il beniamino di casa, con il tennista ascolano che si aggiudica a zero il suo successivo turno di servizio e chiude poi il parziale al primo set point (in appena 22 minuti), ottenendo il terzo break in un set quasi perfetto, con 12 punti su 14 vinti sul proprio servizio (7 su 7 con la prima) e un parziale complessivo di 28 punti a 11.

Al termine del primo parziale Al Mutawa chiede il medical time-out ed il secondo parziale inizia dopo una sosta di oltre 5 minuti. Che, però, non sembra condizionare Travaglia che tiene agevolmente il primo turno di servizio. Cosa che questa volta riesce anche al tennista di casa che, per la prima volta nel match, si porta in parità (1-1). Equilibrio che, però, dura molto poco perché il tennista ascolano tiene agevolmente il suo turno di servizio e nel game successivo in un attimo si porta sullo 0-40, ottenendo il break alla terza opportunità. Dopo aver nuovamente tenuto il servizio a zero, Travaglia nel sesto game si guadagna l’ennesima palla break, annullata da Al Mutawa che, poi, riesce a tenere la battuta e a portarsi sul 4-2. Una piccola soddisfazione per il tennista di casa che non cambia la sostanza delle cose. Il tennista ascolano tiene ancora una volta senza problemi il servizio e chiude all’ottavo game, strappando nuovamente la battuta all’avversario e concretizzando la prima palla match.

Agli ottavi di finale Travaglia affronterà il vincente dell’incontro (in programma in serata) tra lo spagnolo Albert Ramos Vinolas, testa di serie n. 4 del torneo e n. 23 nel ranking Atp e l’argentino Guido Pella, n. 64 Atp. Entrambi avversari di livello, vista la classifica, ma abituati a dare il meglio sui campi in terra in battuta piuttosto che sul cemento, superficie su cui si gioca il torneo di Doha

comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *